News

Utilità e vantaggi dell'analisi raggi X nel processo di pressocolata

20 Maggio 2019

Una fonderia competitiva non può che essere una fonderia innovativa, altamente mirata all’efficienza e alla qualità: questi sono i fondamenti su cui Came crede ed ha impostato lo sviluppo della divisione “die-casting”.

I getti pressocolati oggi sono utilizzati in un portafoglio di applicativi molto ampio, che per definizione impongono delle caratteristiche strutturali e di performance meccaniche del getto sempre più esigenti.

La pressocolata però presenta un aspetto negativo congenito col processo: la presenza, più o meno diffusa, di porosità nei pezzi che influiscono in maniera sensibile sulla qualità del pezzo, provocando riduzioni di resistenza meccanica e tenuta a pressione ed impedendo i trattamenti termici. Tali difetti sono raggruppabili nelle seguenti macro-famiglie:

  • Shrinkage porosity: Macro-porosity, micro-porosity
  • Gas porosity: Gas in solution, Gas entrapment during filling, binder breakdown

 
Proprio per garantire la qualità strutturale del getto e conseguentemente un incremento delle performance, è fondamentale controllare la struttura interna dei particolari con un’analisi dedicata, i raggi X. Questi sono una forma invisibile di energia elettromagnetica caratterizzati da lunghezze d’onda corte e da elevata energia, che sono proiettati verso il particolare da analizzare.

L’onda elettromagnetica che attraversa il getto pressofuso termina il suo percorso in un sensore elettrico che permette di ottenere una proiezione digitale dei raggi x. In questi rilevatori, l’energia dei raggi x è convertita direttamente in un segnale elettrico che viene digitalizzato in un’immagine, la quale viene successivamente ottimizzata ed analizzata da un apposito software.

Came mette a disposizione dei propri clienti una moderna apparecchiatura di analisi a raggi X in grado di scansionare prodotti delle dimensioni massime di ø 700 × H 1200 mm. Il controllo viene garantito su tutti gli articoli in produzione con una frequenza variabile a seconda delle esigenze tecniche e dalla tipologia di prodotto. Le scansioni prodotte vengono poi analizzate da un apposito software e salvate in un database in modo da renderle disponibili per le esigenze degli stakeholder.

Articolo di:
Alberto Carallo
Esperto in Aluminium Die-Casting
Alberto.Carallo@came-italy.com
+39 0444 488282